Giacomo Sornatale

Ciao, mi chiamo Giacomo, ho 40 anni ed ho avuto l'immensa grazia, dono immeritato, di conoscere Gesù come mio personale Salvatore nel dicembre del 2008. Sono nato e cresciuto in una famiglia che mi ha trasmesso, per tradizione, insegnamenti cattolici. Ho ricevuto il battesimo in età neonatale e poi tutti i successivi sacramenti. Nel 2007 frequentavo un amico con entrambi i genitori di fede evangelica e, avendo modo di passare molto tempo con loro, ci confrontavamo spesso sul tema religione. Dal mio punto di vista cattolico, credevo molto nella figura di Padre Pio, invece loro mi parlavano solo di Gesù. Mi hanno donato un nuovo testamento, che non ho mai aperto. Nel maggio del 2008 la madre di questo mio amico mi ha regalato una Bibbia con dedica, ho iniziato a leggerla dalla prima pagina. Dio pian piano operava in me, prendendo tutta la mia mente ma soprattutto il mio cuore. Più leggevo, più mi addentravo nella Parola di Dio e più scoprivo che Dio non era quel dio minaccioso e tiranno pronto a castigarmi per ogni mio peccato. Lui era un Padre amorevole, consapevole e comprensivo dei miei limiti e dei miei peccati. Ho scoperto che Lui mi offriva una soluzione per uscire da quel vicolo buio della mia misera condizione umana: la conoscenza del Suo unigenito figlio Cristo Gesù, unico antidoto alla malattia del peccato che mi affliggeva. Man mano che approfondivo la lettura della Bibbia e di conseguenza la conoscenza di Dio, notavo che in me qualcosa si muoveva: nelle cose che ero solito fare cominciavo a sentire un impedimento, come se non trovassi più quel piacere che avevo una volta. Ero un seduttore, un fornicatore capace di avere più di una donna contemporaneamente; questo mi portava a commettere altri peccati come dire bugie, essere vanitoso, ecc. Nel dicembre del 2008, mentre ero a Los Angeles in compagnia di una donna, ho sentito in cuor mio di non voler peccare più. Dopo una notte di tribolazione e combattimento tra lo Spirito e la carne, ho detto il mio NO al peccato; alla fine ne sono uscito vittorioso e, grazie alla Parola di Dio, ho trovato conferma nelle parole di Paolo: "Io posso ogni cosa in Colui che mi fortifica!" (Filippesi 4:13) Da quel giorno la mia vita è cambiata, ho scoperto che potevo essere una nuova creatura in Cristo Gesù, le cose vecchie non avevano più valore né per me né per Dio. Nel 2009, rientrato in Italia, tutte le persone che conoscevo hanno notato in me, nei miei occhi e nei miei atteggiamenti, qualcosa di diverso. Erano convinti che fossi stato manipolato da una setta. Per loro era difficile comprendere che Dio aveva cambiato il mio cuore, donandomene uno di carne capace di amare. Da allora sono passati 11 anni. Non nascondo che ci sono stati momenti di difficoltà, ma soprattutto momenti di pace, gioia, tranquillità. Ho sperimentato la certezza di non essere più solo di fronte alle situazioni che la vita mi pone dinanzi, Gesù è accanto a me sempre. Dal rientro da Los Angeles ho intrapreso la mia frequentazione di una Chiesa cristiana evangelica con il desiderio nel cuore di voler adempiere a quanto Gesù dice in Marco 16:16: "Chi avrà creduto e sarà stato battezzato, sarà salvato." Nel novembre del 2009 sono entrato nelle acque battesimali e il Signore mi ha concesso il battesimo nello Spirito Santo il 15 agosto del 2015. Ad oggi sono grato a Dio per tutto quello che ha compiuto nella mia vita, mi ha benedetto con una meravigliosa moglie cristiana ed una splendida figlia. Con questo voglio dare lode, gloria e ringraziamento a Dio solo, in Cristo Gesù, mio Salvatore.